Panorami dell'immigrazione contemporanea

Recensione: “Blacks Out” di Vladimiro Polchi

“20 marzo. Ore 00.01. È il caos, anzi la paralisi. I cantieri edili si fermano di colpo. Chiudono le fabbriche. Si freddano i forni a ciclo continuo nelle aziende di ceramica. Vuoti i mercati ortofrutticoli. Chiusi i ristoranti, alberghi e pizzerie. Tra le famiglie si scatena il panico: scompaiono badanti, colf e babysitter. È boom di ricoveri d’anziani e disabili negli ospedali. La sanità è in tilt. Si fermano i campionati di calcio, basket e pallavolo. Molte parrocchie restano senza preti. Tremano le casse dell’Inps. Nessuno se lo aspettava. “Blacks Out” – lo sciopero degli immigrati – avrebbe paralizzato il paese.”

Questa è la surreale immagine che traccia Valdimiro Polchi nel suo libro, “BLACKS OUT un giorno senza immigrati”. Cosa succederebbe se una mattina al nostro risveglio tutti i cittadini stranieri fossero spariti? Cosa ne sarebbe dell’economia italiana?

Tra finzione e realtà, Vladimiro Polchi approfitta di questo romanzo per condurci attraverso l’Italia multietnica che c’è, ma non si vede. Come troppo spesso accade la realtà è lì, davanti agli occhi, ma fatichiamo a riconoscerla. Si tratta dei circa 4 milioni di immigrati che vivono e lavorano in Italia, producono ricchezza economica, sociale e culturale, ma non trovano spazio sui giornali o nelle televisioni.

Questo libro suggerisce che, forse, l’unica soluzione per diventare visibili, sarebbe quella di scomparire. Questo hanno pensato anche gli organizzatori dello sciopero degli stranieri. Programmato per il 1° marzo, non ha avuto naturalmente l’effetto previsto dal libro, ma ha favorito la riflessione e il confronto sull’apporto dei lavoratori stranieri all’economia (e non solo) italiana. Vladimiro Polchi, che da anni lavora come giornalista e si occupa del fenomeno migratorio, utilizza questo libro per fornire al lettore interessanti spunti di riflessione, riportando interviste, storie di vita, inchieste e dati statistici.

Ci ricorda come il lavoro degli immigrati produca il 9,7% del Pil nazionale. I lavoratori stranieri risultano decisivi nei settori dell’agricoltura e pesca, edilizia, alberghi e ristoranti, dove rappresentano circa il 20 % della forza lavoro. In settori come il tessile, l’industria conciaria e meccanica la loro presenza si attesta invece sul 15%. In Italia una famiglia su dieci è badante-dipendente, secondo l’Istituto per la ricerca sociale nel 2008 lavoravano 774mila assistenti familiari.

Nel suo libro Vladimiro Polchi ci aiuta anche a superare stereotipi e luoghi comuni, presentando la complessità della realtà italiana, in cui se è vero che la maggior parte degli stranieri ricopre posizioni  basse del mercato del lavoro, non si può ad esempio dimenticare come le imprese con titolare nato all’estero sono oltre 250mila e danno lavoro a oltre mezzo milione di persone.

Discorso a parte è poi quello del mondo dello sport, dove, per parlare solo di calcio, in serie A giocano oltre 200 giocatori stranieri.

Insomma, “BLACKS OUT” ha il pregio di tracciare, con poche e chiare pennellate, un quadro inequivocabile, da cui emerge che i cittadini stranieri rappresentano una componente strutturale e diffusa della società italiana.

Una domanda percorre tutto il libro, quali sono i motivi che li spingono a scioperare? Valentino Delle Donne, protagonista del romanzo, inseguirà per tutto il libro la risposta. Solo alla fine arriverà a scoprirlo, fra le righe della celebre frase dello scrittore svizzero Max Frisch “cercavamo solo braccia, sono arrivati uomini”.

“BLACKS OUT un giorno senza immigrati” di Vladimiro Polchi, Laterza, 2010

banner ad

Un Commento a “ Recensione: “Blacks Out” di Vladimiro Polchi ”

  1. femme cougars scrive:

    Hello There. I discovered your weblog using msn. This is a very neatly written article.
    I will make sure to bookmark it and come back to read
    more of your useful information. Thank you for the post. I’ll
    certainly comeback.

Lascia un commento


Warning: Illegal string offset 'solo_subscribe' in /home/pvallone/immigrationflows.net/wp-content/plugins/subscribe-to-comments/subscribe-to-comments.php on line 302

Iscriviti senza commentare